Campagna per la liberazione di Margherita Caminita

Fai CLICK quí per ingrandire
 
le nostre prove schiaccianti
 
articolo del 14 Gennaio 2001
 
Il resoconto della Dott.ssa Rita Pal
 
articolo del 12 Maggio 1998
 
Voto degli Italiani all'estero : UN IMBROGLIO !
 
 
articolo del 30 Nov.2001
 
Si rivolge al Ministero Affari Esteri e gli rubano la pensione
 
 
IMPORTANTE

Giorno 7 Gennaio 2002
i recapiti pubblici del
Ministro per gli Italiani nel mondo
sono stati rimossi dall'indirizzario del
Consiglio Generale Italiani all'Estero
É evidente che
MIRKO TREMAGLIA
avendo giá raggiunto
il suo scopo,
ovvero quello di
"diventare ministro" .
ADESSO, PERÓ, TREMAGLIA
NON VUOLE PIÚ
ESSERE FACILMENTE
REPERIBILE
dagli stessi Emigrati Italiani
di cui si dovrebbe occupare !

Questi sono i recapiti soppressi:

On. MIRKO TREMAGLIA
c/o CTIM
Via della Stelletta n.5
00186 ROMA, ITALY.

Roma Tel.
06-67609784
06-68210298
Roma Fax.
06-67609724
06-68213212
Bergamo Tel.
035-232544
Bergamo Fax.
035-235053

Posta elettronica:
m.tremaglia@spm.it

Scrivi al Ministro!

 
 
CONSOLÁTI: quá & lá

Raccolta di scandali

Vice-Consolato in Bedford
Consolato in Mancester (UK)
Consolato Gen.le in Francia
Ambasciata in Londra
Ambasciata in Algeri

SAI DI ALTRI SCANDALI ?

S E G N A L A C E L I !

Voto italiani all'estero, la circoscrizione estero, gli abusi ed i brogli elettorali.

ARRESTATO SENATORE del PDL. Per la sua elezione nella circoscrizione Estero-Europa, la Direzione distrettuale antimafia di Roma ha accertato che Di Girolamo era sostenuto da esponenti della 'ndrangheta calabrese che si era attivata per la raccolta di voti tra gli emigrati calabresi in Germania. Dagli accertamenti e' emerso che a sostenere la candidatura di Di Girolamo è stato, in particolare, Gennaro Mokbel, legato in passato ad ambienti della destra eversiva.

Questa pagina trattava del vergognoso comportamento del Ministero per gli italiani nel mondo durante la passata legislatura e di come Mirko Tremaglia abbia tradito la nostra Connazionale, Sig.ra Margherita Caminita e la sua famiglia. Con l'avvento del nuovo - ma già caduto - governo, "Prodi IIo", riporto come la pseudo-Sinistra si sia dimostrata serva della Mafia della Sanita', tanto quanto lo e' stata la Destra.
Nella fattispecie, la pseudo-Sinistra, dopo essere salita al potere con i voti degli italiani all'Estero, ha subito smantellato il Ministero per (la propaganda fascista presso) i cittadini italiani residenti all'Estero, soppiantandolo con un fantomatico posto di sottosegretariato presso il Ministero degli affari esteri, al solo scopo di dare una poltrona a tale Sen. Franco Danieli della
Margherita. E' disgustante come quest'ultimo, sebbene sia stato ripetutamente sollecitato da colleghi Senatori ad intervenire nella vicenda Caminita, non si sia ancora degnato di fare una mossa.

 

ATTENZIONE !!!

É tempo di elezioni in Italia...
É tempo di campagna elettorale...
É tempo di visite, abbracci, strette di mano, sorrisi e promesse.
É TEMPO DI TRUFFE e di RAGGIRI !!!

Mirko Tremaglia -
 Ministro per la propaganda della Cosca delle Liberta' e la  raccolta dei voti degli emigrati EMIGRATI ITALIANI NEL MONDO APRITE GLI OCCHI !
NON FATEVI RUBARE I VOTI !
NON FATEVI CONVINCERE A VOTARE PER LORO !
Di noi, italiani all'estero, l'Italia se ne fotte e strafotte !
Il Ministro Tremaglia e quelli della "Cosca delle Libertá " si ricordano di noi solo in tempo di elezioni ed ai loro tradimenti ci siamo giá abituati !

VERGOGNA !  VERGOGNA, non solo per i politici di Destra ma anche per la stragrande maggioranza di quelli della Sinistra!   Sono, infatti, pochissimi i Sigg.ri politici italiani che hanno firmato una PETIZIONE al Parlamento Europeo per la liberazione della Sig.ra Caminita.

fai click quí, per saperne di piú ! Anche il Presidente della Provincia di Palermo, Deputato al Parlamento Europeo, On. Avv. Francesco Musotto, conquista un posto nella nostra classifica delle faccie piú toste !

 

02 Luglio 2001,
Palermo

Lettera aperta consegnata a mano .

Al Sig. Ministro per gli Italiani all'estero, On. Mirko Tremaglia

c/o Segreteria Regionale del Partito di Alleanza Nazionale, nella persona dell'On. Guido Lo Porto per tramite dell'On. Marzio Tricoli.

On.le Ministro Tremaglia ,

chi le scrive é uno dei tanti, uno dei tanti emigrati che dall'estero hanno seguito ed apprezzato i Suoi sforzi politici volti ad ottenere per noi il riconoscimento del diritto di voto all'estero .
Colgo l'occasione per porgerLe, anche a nome dei trentaseimila Italiani di Bedfordshire, regione dell'Inghilterra, i migliori auguri di felice Ufficio e le sentite congratulazioni a Lei ed a tutte le Forze politiche che con l 'istituzione del Suo neonato Ministero, hanno materializzato un importante traguardo di civiltá e democrazia nella storia del nostro Paese, contribuendo altresí al rinvigorimento dello spirito patriottico ed al rinsaldarsi dell'identitá di una Nazione che non dimentica il suo passato né i suoi Figli lontani .
I confini d'Italia piú visibili, infatti, non sono le Alpi ma gli Italiani all'estero.
Quegli stessi Emigrati Italiani che per piú di un secolo sono stati e sono ovunque nel mondo l'intramontabile memento che l'Italia esiste ma che allo stesso tempo sono stati visti dai passati governi come appendici ormai inutili e troppo dispendiose da tutelare al punto che anche i nostri condomini europei ci chiamano "italiani di merda" (vedi il caso dei giornalisti malmenati ed oltraggiati in Olanda, poi ampiamente trattato nel Maurizio Costanzo 's show) o meglio ancora la facilitá con la quale si sia tentato di distruggere un'intera famiglia italiana in Gran Bretagna.
Saró franco con Lei, Signor Ministro, io non ho mai votato in Italia e parimenti mai creduto che il nostro Paese potesse cambiare in breve tempo. Questa é, assieme alla peculiaritá della mia formazione, la ragione per cui all'etá di anni diciannove, mi sono tolto dai piedi... Un "aspirante sotto-disoccupato semplice" in meno in Sicilia !
Ho dato, senza volerlo, una mano allo Stato a massaggiare le statistiche sulla disoccupazione ! Diversamente da molti altri giovani meridionali, io ho trovato solidarietá e supporto per la mia decisione proprio nella mia famiglia ed in special modo mia madre, di cui sono l'unico figlio . Sebbene, io sia ancora molto giovane posso assicurarLe che l'ironia o forse il cattivo gusto della Sorte supera di gran lunga l 'immaginabile...
Ricordo vividamente una Sua apparizione in televisione, diversi anni fa, in occasione della bocciatura del voto per gli Italiani all'estero mentre io a quel tempo conducevo una vita serena a Bedford, una pittoresca localitá a mezz'ora di treno da Londra. Assieme a me v'era tutta la mia famiglia composta da sei persone un cane ed una gatta.
Io sono un ricercatore scientifico indipendente in materia di Fisica delle radioonde . Nell 'Aprile del 1997 avevo appena terminato con successo un programma di ricerche iniziato a Palermo nel lontano 1985 e v'erano tutti i presupposti per guardare avanti con un certo ottimismo. Qualche mese dopo, peró, mia madre giá settantenne, che dal 1990 trasferitasi in Gran Bretagna abitava con me e la mia famiglia, inizia ad accusare un rapido decadimento della sua abilitá motoria con successivo peggioramento anche della sua incontinenza urinale alla quale si aggiunse anche l'incontinenza fecale.
Verso il mese di Agosto del 97, mia madre per la sua ridottissima mobilítá e frequente incontinenza inizia a costituire un dispendioso problema per i servizi d'emergenza locali come pompieri e paramedici, chiamati diverse volte nel giro di un paio di settimane a dover tirarla fuori dal bagno ed accertare che la stessa non avesse riportato conseguenze. Gíá da tempo erano iniziati a casa mia i lavori edili per la realizzazione di servizi igienici al pian terreno, comprensivi di doccia per invalidi e conseguente riorganizzazione planimetrica di tutti gli spazi domestici per consentire a mia madre di continuare a vivere in famiglia. Sfortunatamente le sue condizioni sono peggiorate rapidamente e nel Settembre 97 ella viene per la prima volta ricoverata presso il locale Bedford General Hospital.
Mia madre inizia ad essere vista dall'ospedale come un problema rognoso.
Una persona che gode di ottima salute e buon appetito ma affetta da bassa mobilitá ed incontinenza é quanto di peggio possa capitare ad un ospedale, peggio ancora se l'ospedale appartiene al servizio sanitario nazionale (NHS). In teoria, il servizio sanitario nazionale del Regno Unito avrebbe l'obbligo di prestare la migliore assistenza sanitaria disponibile a chiunque, senza distinzione di reddito o nazionalitá e per assistenza sanitaria é intesa anche l'assistenza socio-sanitaria domiciliare. In pratica questo nobile compito, dagli anni Ottanta in poi é divenuto la peggior spina nel fianco di tutti i governi britannici, per i semplici motivi che affliggono i paesi dell'Occidente ed in particolare il divario demografico e la disproporzione tra i Contribuenti e l'esercito di pensionati longevi che aspirano a vivere sempre piú a lungo.
In poche parole mia madre nel Marzo del 1998 viene a trovarsi a far parte di quelli destinati alla "dipartita agevolata".
Lo scandalo verrá poi svelato a tutta pagina dal quotidiano inglese "The Times", il 06 Gennaio 1999. Quello che stesse accadendo io, peró, lo avevo giá denunciato alla Stampa ed alla magistratura locale, sin dal mese d'Aprile del 1998 e come me altri in altre regioni fecero altrettanto.
Mia Madre é l'unica superstite del Bedfordshire Holocaust Scheme : una sofisticata organizzazione criminale capeggiata dal Bedfordshire County Council (Amministazione Regionale di Bedfordshire) allo scopo di attuare in questa regione il piano nazionale segreto di snellimento della domanda sui servizi parasanitari, attraverso l'eliminazione dei soggetti deboli ed onerosi a mezzo di somministrazione segreta di sedativi e progressivo diniego di liquidi ed alimenti.
Io, grazie anche alla mia famiglia, sono riuscito a salvare mia madre dalla morte ma la stessa é ora tenuta in ostaggio ed in completo isolamento da chiunque possa aiutarla, dalla stessa amministrazione regionale che teme che ella possa parlare.
Sono rientrato in Patria e mi é stata negata assistenza dal precedente Ministero per gli Affari Esteri, peggio ancora le nostre autoritá consolari e diplomatiche in Gran Bretagna hanno dimostrato collusione col nemico. Io con l'ausilio di Dio, di medici coraggiosi e della Stampa ho condotto una sostanziale investigazione che prova quanto io abbia detto.
Ho da mesi e mesi interessato la magistratura italiana e la stessa sembra non esistere, sono stato cosí costretto a deferire assieme alla Gran Bretagna anche l'Italia alla Corte Europea dei diritti dell'Uomo. Vedasi Allegati.
La Sorte ha voluto che finalmente e provvidenzialmente venisse istituito il Suo Ministero, che ha la fortuna di poter operare nel quadro di una solida Maggioranza nettamente scissa ed indipendente dalle forze della passata lottizzazione del potere che nel tentativo di riallinearsi giá si preparano ad attaccare il Governo Berlusconi, per aver tra l'altro, secondo loro, creato il Ministero per gli Italiani all'estero col solo scopo di farsi la campagna elettorale all'estero a spese della Repubblica Italiano, in vista del riconoscimento del diritto di voto per gli Italiani all'estero.
Voglia La S.V., On.le Ministro Tremaglia, intervenire in tutti i modi ad Ella possibili al fine di liberare tempestivamente mia madre, Sig.ra Margherita Caminita e con l'occasione lanciare un messaggio deciso alla comunitá internazionale che faccia capire a tutti che i Cittadini Italiani all'estero non sono "italiani di merda" e che l'avvento della Casa delle Libertá hanno veramente una Patria.

Distintamente ossequia ,

Francesco Errante

RISULTATO ?

SILENZIO di TOMBA !


Riportiamo un estratto dal sito del governo italiano relativo alla biografia dell'On. Tremaglia
ed alle sue nuove competenze !

Il Neo-Ministro Tremaglia é nato a Bergamo il 17 novembre 1926.

Laureato in legge, è sposato con la Signora Italia.

Iscritto al MSI fin dal 1946, Tremaglia ne diventa dirigente nel 1948.

Dopo l’esperienza nel Comitato centrale, nel 1954 entra a far parte della Direzione e nel 1972 diventa Responsabile del Dipartimento di politica estera del Partito.

Eletto alla Camera per la prima volta nel 1972, tra i vari incarichi, l’On. Tremaglia ha ricoperto quello di Presidente della Commissione Esteri e di Presidente del Comitato parlamentare per gli Italiani nel Mondo.

E’ inoltre Segretario generale del Comitato Tricolore degli Italiani nel Mondo e membro del Comitato di Presidenza del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero.

Definito il "parlamentare con il cuore", Tremaglia ha dedicato tutta la sua vita alla "battaglia di civiltà" per l’esercizio del diritto di voto degli italiani all’estero. In nome di questo impegno trentennale, Tremaglia è l’unico deputato che sia riuscito a cambiare due volte la Costituzione con la modifica degli articoli 48 (istituzione della circoscrizione Estero) e 56 e 57 (numero dei deputati e senatori eletti dai cittadini italiani all’estero).

Il primo pensiero del Ministro Tremaglia, all’atto del giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, è stato per il figlio Marzio, già Assessore alla Cultura della Regione Lombardia e scomparso prematuramente il 22 aprile 2000.

povera italia !

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI,
9 agosto 2001

Delega di funzioni del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di italiani nel mondo al Ministro senza portafoglio on. avv. Mirko Tremaglia. (GU n. 198 del 27-8-2001)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 10 giugno 2001,
con il quale l'on. Mirko Tremaglia e' stato nominato Ministro senza portafoglio;

Visto il proprio decreto in data 11 giugno 2001,
con il quale al predetto Ministro senza portafoglio e' stato conferito
l'incarico per gli italiani nel mondo;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400;

Sentito il Consiglio dei Ministri;

Decreta:

Art. 1.

1. A decorrere dall'11 giugno 2001, il Ministro senza portafoglio per gli italiani nel mondo on. Mirko Tremaglia, fatte salve le competenze attribuite dalla legge ai singoli Ministeri e in particolare le attribuzioni del Ministero degli affari esteri ai sensi dei decreti del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18 e n. 200, e' delegato ad esercitare le funzioni di coordinamento e di promozione nella predisposizione dei provvedimenti normativi necessari per attuare il diritto all'esercizio del voto da parte degli italiani residenti all'estero, nonche' a promuovere tutte le misure appropriate, anche con riferimento all'AIRE centrale, per assicurare concretamente l'espletamento del voto stesso.
E' delegato inoltre ad esercitare le stesse funzioni di promozione per i provvedimenti normativi indirizzati al potenziamento ed alla ristrutturazione della rete consolare italiana.
2. Il Ministro senza portafoglio on. Mirko Tremaglia, fatte salve le competenze attribuite dalla legge ai singoli Ministeri, e' delegato ad esercitare le funzioni di coordinamento e di promozione di iniziative, anche normative, nelle materie riguardanti le collettivita' italiane all'estero e, in particolare:
a) le politiche generali concernenti le collettivita' italiane all'estero, la loro integrazione nei suoi vari aspetti e i loro diritti, con particolare riferimento alle indicazioni emerse nelle Conferenze internazionali e nazionali, anche attraverso appositi incontri con autorita' ed istituzioni dei Paesi di insediamento;
b) l'informazione, l'aggiornamento e la promozione culturale a favore delle collettivita' italiane all'estero al fine di mantenere il legame con il Paese di origine; c) l'intervento coordinato dello Stato e delle regioni a favore delle comunita' all'estero, nonche' le provvidenze per gli italiani che rimpatriano; d) la valorizzazione del ruolo degli imprenditori italiani residenti all'estero, anche ai fini dello sviluppo del loro legame con la madrepatria.

Art. 2

1. Ai fini dell'espletamento delle funzioni delegate ai sensi del presente decreto, il Ministro senza portafoglio per gli italiani nel mondo opera avvalendosi della collaborazione delle strutture centrali del Ministero degli affari esteri.
2. Il Ministro e' altresi' delegato a:
a) designare rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri in organi, commissioni, comitati, gruppi di lavoro ed altri organismi di studio, tecnico-amministrativi e consultivi, operanti nelle materie oggetto del presente decreto, presso altre amministrazioni e istituzioni;
b) costituire commissioni di studio e consulenza, gruppi di lavoro nelle materie oggetto del presente decreto;
c) provvedere, nelle predette materie, ad intese e concerti di competenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri necessari per le iniziative, anche normative, di altre amministrazioni.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, previa registrazione da parte della Corte dei conti.

Roma, 9 agosto 2001
Il Presidente: Berlusconi
Registrato alla Corte dei conti il 21 agosto 2001
Ministeri istituzionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri, registro n. 11, foglio n. 262


The rise and the fall of a dictator...
Gallery of picutures from the II World War

Click on the thumbnails to enlarge - Fai click sulle immagini per ingrandirle

 

CRIMINI IGNORATI sono CRIMINI PROMOSSI ed AVALLATI !